ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish
Versione normale Versione Ipovedenti

LEGGENDA
leggenda mobilità Mobilità
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni, autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico sicurezza e comfort 

leggenda vista
Vista 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda udito
Udito 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda gusto
Gusto 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni sulla composizione dei cibi, disponibilità di cibi specifici, possibilità di personalizzare orari per pasti possibilità di personale medico reperibile, sicurezza e comfort 

verde accessibile Accessibile
giallo accessibile parzialeAccessibile parziale
rosso non accessibileNon accessibile
grigio informazioni mancantiInformazioni mancanti
Museo Archeologico "Antonino Salinas" Palermo

Bene Archeologico 
SICILIA , Palermo , Palermo

Le nostre valutazioni di accessibilità del bene

mobilità livello trevista livello unoudito livello unolis livello unoristorazione livello uno

Orari:
Lunedì: chiuso; da Martedì a Venerdì; 9,30-19; Sabato e Domenica; 9,30-13,00;

è possibile quache variazione in concomitanza con adesioni ad iniziative culturali da parte del superiore Assessorato Regionale dei Beni Culturali. Pertanto, per aggiornamenti, si rimanda al sito: www.regione.sicilia.it/beniculturali/salinas



Biglietteria:
Piazza Olivella

Recapiti:
Tel.:0916116806-7
Fax:0916110740
E-Mail:museo.arche.pa@regione.sicilia.it Come Arrivare Pubblico:
Pulman Turistici; BUS nn. 101, 102, 103, 104, con fermata sulla Via Roma (altezza Poste Centrali);
TAXI;

Come Arrivare Privato:
con auto: percorrere la Via Roma e poi prendere a sinistra la traversa Via Spinuzza e parcheggiare con tiket APCOA oppure parcheggiare nelle stradine adiacenti;
a piedi: dalla Via Roma o da Via Maqueda prendere la Via Spinuzza o la Via Bara all'Olivella raggiungendo poi Piazza Olivella, dove è ubicato il Museo.



La sede museale, già Casa dei Padri della Congregazione di S. Filippo Neri, fa parte del complesso monumentale dell’Olivella che comprende anche la Chiesa di S. Ignazio e l’attiguo Oratorio. Il complesso architettonico, iniziato sul finire dell’XVI secolo su progetto di Antonio Muttone, fu completato nel XVII secolo. A seguito della legge sulla soppressione degli ordini religiosi (1866), l’edificio, confiscato alla congregazione, divenne sede del Museo Nazionale. 


Il Museo illustra le diverse fasi dell’arte e della civiltà della Sicilia Occidentale, dalla preistoria alla tarda età romana e riflette la storia del collezionismo sette-ottocentesco, attraverso l’esposizione di importanti collezioni e reperti, in alcuni casi di provenienza non siciliana. Sono esposti anche reperti provenienti dalla Sicilia Orientale, Tindari e Randazzo, acquisiti al Museo grazie all’attività di A. Salinas (1841-1914) cui è dedicato il Museo. 

Il nucleo originario del Museo è costituito dalle collezioni provenenti dal Museo dell’Università, istituito nel 1814. fanno parte di questo primo fondo le eccezionali sculture arcaiche e classiche provenienti da Selinunte: le tre metope del Tempio C, recuperate in frammenti, nel 1823, dagli architetti inglesi W.Harris e S. Angell, cui si aggiunsero, nel 1827, le quattro metope del Tempio E. 
I sovrani borbonici contribuirono ad arricchire le collezioni donando materiali campani e siciliani. In particolare, Francesco I donò al Museo terracotte e bronzi, fra cui il celebre gruppo di Eracle che atterra un cervo; Ferdinando II donò, tra l'altro, il Satiro versante da Torre del Greco ed alcuni dipinti pompeiani. Merita di essere ricordata la Collezione Casuccini, acquisita tra il 1864 ed il 1869, che costituisce la più bella e notevole raccolta di antichità chiusine al di fuori della Toscana. 

Nel nucleo originario del Museo confluirono, nell’800, anche materiali provenienti da collezioni antiquarie di proprietà ecclesiastica (del Museo dei Padri Gesuiti di Palermo, detto Salnitriano, e del Museo di San Martino delle Scale) e dell’acquisto e donazioni di collezioni private (Colezione Fagan, Collezione Astuto, Medagliere Gandolfo, Collezione Salinas, etc….). 
Successivamente, il Museo si è arricchito anche di materiali provenienti da ricerche archeologiche programmate o da scoperte casuali. L'eterogeneità delle collezioni è dovuta alla formazione ottocentesca del Museo . Del patrimonio del Museo fanno parte anche un ricco fondo antico librario con cinquecentine e secentine ed una raccolta di stampe antiche, provenienti da collezioni private. Dal 1 Gennaio 1987, dopo il passaggio alla Regione Siciliana delle competenze sui Beni Culturali, il Museo di Palermo è diventato Museo Archeologico Regionale. 
Dal 2011 il Museo è chiuso al pubblico per lavori di restauro. 

Dal 2015 è fruibile solo una parte dell'Atrio minore (piano terra) dove sono esposte Mostre temporanee con accesso gratuito.


Informazioni turistiche




 

 


Hai visitato questo sito? Lascia la tua recensione sul livello di Accessibilità. Grazie.

Nessun commento
Aggiungi il tuo commento
Nome completo
Email
Commento

ACCESSIBILITA' DEL SITO

Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni sull'accessibilità del bene in oggetto: Presente

Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni : Presente

Presente
Ampia disponibilità degli orari di visita: Presente

presente
Possibilità di raggiungere il bene con mezzi pubblici di trasporto: presente

presente
Agevole avvicinamento alla struttura (presenza di rampe, pendenza massimo del 5%): presente

non presente
Parcheggi riservati: non presente

non presente
Mappa tattile del percorso posizionata all'ingresso: non presente

presente
Ingresso privo di ostacoli e opportunamente segnalato: presente

presente
Servizio di accoglienza opportunamente qualificato per l'accoglienza di soggetti diversamente abili: presente

non presente
Distribuzione su richiesta di audioguide: non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei (locandine-brochure-depliant): non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei realizzati con disegni a rilievo, testi con caratteri in nero e Braille: non presente

presente
Percorsi Orizzontali Interni-Agevoli e presenza di Rampe: presente

presente
Percorsi verticali-ascensori: presente

non presente
Percorsi verticali-Scale con gradini dagli angoli smussati : non presente

non presente
Esposizione di calchi e modellini dell'area e dei suoi elementi più rilevanti: non presente

presente
Servizi igienici a norma per handicap: presente

non presente
Servizio di ristorazione interno: non presente

non presente
Servizio di ristorazione interno per celiaci: non presente

non presente
Servizio di pronto soccorso e assistenza clienti: non presente

non presente
Esposizione di calchi e modellini dell'area naturalistica e dei suoi elementi più rilevanti: non presente

presente
Percorsi Orizzontali-Fondo : presente

presente
Percorsi Orizzontali-Agevole : presente

non presente
Udito loop o loop di induzione audio: non presente

non presente
Sevizio specifico di accoglienza per soggetti diversamente abili: non presente

Non Presente
Didascalie di testo per i contenuti audio: Non Presente

Presente
Servizio di ristorazione esterno: Presente

Non Presente
Percorsi guidati per non vedenti: Non Presente

Non Presente
Percorsi specifici per persone con disabilità motoria: Non Presente

Non Presente
Audio guide per non udenti - Didascalie di testo per i contenuti audio: Non Presente

non presente
Servizio di ristorazione esterno per celiaci: non presente

Fondazione Giovanni Amato Onlus socio ENAT



N. Visite: 310255


  • Copyright © 2011-2013. All Rights Reserved.
    Progetto web sviluppato da Wabi Media CT