ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish
Versione normale Versione Ipovedenti

LEGGENDA
leggenda mobilità Mobilità
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni, autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico sicurezza e comfort 

leggenda vista
Vista 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda udito
Udito 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda gusto
Gusto 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni sulla composizione dei cibi, disponibilità di cibi specifici, possibilità di personalizzare orari per pasti possibilità di personale medico reperibile, sicurezza e comfort 

verde accessibile Accessibile
giallo accessibile parzialeAccessibile parziale
rosso non accessibileNon accessibile
grigio informazioni mancantiInformazioni mancanti
Monastero dei Benedettini

Bene Storico 
Sicilia , Catania , Catania

Le nostre valutazioni di accessibilità del bene

mobilità livello duevista livello unoudito livello unoristorazione livello due

Orari:
Visite guidate tutti i giorni, dal Lunedì alla domenica, dalle 9:00 alle 17:00

Per info: 095.7102767 | 3349242464 |
www.monasterodeibenedettini.it



Biglietteria:
ingresso gratuito

Recapiti:





Compatibilmente con le attività che si svolgono all'interno dell' istituto universitario, è possibile visitarne una parte che consente, comunque, di farsi un'idea della grandiosità e della magnificenza dell'insieme.


Dall' ingresso di piazza Dante, con rampa e gradino di lieve entità, si attraversa il grande arco, che si apre sul cortile centrale. Per accedere all'edificio bisogna percorrere circa 50 metri, raggiungendo la scalinata esterna, la quale presenta, sulla destra, una rampa dai gradini classici, sulla sinistra gradini con alzata meno importante. All'interno l'edificio è caratterizzato da lunghi ed ampi corridoi; i piani sono collegati, oltre che dal blocco scala, anche da un ascensore, situato nella zona laterale dell'edificio.


Un ingresso secondario, a quota del piano terra, è raggiungibile percorrendo il maciapiede che costeggia la facciata lunga dell'edificio. Alla fine del percorso si apre sulla destra un varco, con rampa e dal quale si accede all'ascensore.


 All'interno del monastero si possono visitare: i lunghi corridoi (dai quali è possibile ammirare i chiostri), il grande refettorio e le celle dei religiosi, riadattate ad aule e sale professori.



 



Informazioni turistiche

Il monastero benedettino di San Nicolò l'Arena è ritenuto uno dei complessi architettonici più interessanti del meridione, tanto da meritare per l'Unesco il diritto di far parte della lista del Patrimonio mondiale dell'umanità. Esso contiene infatti una complicata articolazione di livelli storici, dalla domus romana al tardo barocco settecentesco, dalle architetture medievali agli interventi contemporanei di Giancarlo De Carlo.


Il monastero di San Nicolò l'Arena, anche se incompleto, è per grandezza, inferiore solo a quello di Mafra in Portogallo. Per le sue ricchezze, per gli stretti legami con la nobiltà catanese, ma anche per la sua attività culturale, ebbe un ruolo rilevante, soprattutto nel '700. Ammirato dai viaggiatori, che ne ricordano l'ospitalità, le raccolte librarie e il fasto dei monaci, dominava e condizionava la vita civile e religiosa della città. De Roberto, ne "I Viceré", non si mostrò certo indulgente verso quanto accadeva dentro i chiostri del monastero che, "immenso, sontuoso, era agguagliato ai palazzi reali, a segno che c'erano le catene distese dinanzi al portone". I monaci vi abitarono sino al 1866; tre anni dopo esso venne assegnato al Comune e ospitò una caserma militare e vari istituti, ed ebbe così inizio un lungo periodo di guasti e di abbandono. Dal 1977 il Monastero è stato donato al Comune di Catania all'Ateneo della città, che a sua volta lo ha affidato alla Facoltà di Lettere e Filosofia perché questa ne facesse la propria sede; al contempo la Facoltà si è assunta l'onere della gestione dell'edificio, intraprendendo un percorso di recupero e di manutenzione straordinari





 

 


Hai visitato questo sito? Lascia la tua recensione sul livello di Accessibilità. Grazie.

Nessun commento
Aggiungi il tuo commento
Nome completo
Email
Commento

ACCESSIBILITA' DEL SITO

Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni : Presente

Presente
Ampia disponibilità degli orari di visita: Presente

presente
Agevole avvicinamento alla struttura (presenza di rampe, pendenza massimo del 5%): presente

non presente
Parcheggi riservati: non presente

non presente
Mappa tattile del percorso posizionata all'ingresso: non presente

non presente
Ingresso privo di ostacoli e opportunamente segnalato: non presente

non presente
Servizio di accoglienza opportunamente qualificato per l'accoglienza di soggetti diversamente abili: non presente

non presente
Distribuzione su richiesta di audioguide: non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei (locandine-brochure-depliant): non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei realizzati con disegni a rilievo, testi con caratteri in nero e Braille: non presente

presente
Percorsi verticali-ascensori: presente

presente
Percorsi Orizzontali Interni-Agevoli e presenza di Rampe: presente

non presente
Esposizione di calchi e modellini dell'area e dei suoi elementi più rilevanti: non presente

presente
Servizi igienici a norma per handicap: presente

presente
Servizio di ristorazione interno: presente

non presente
Servizio di pronto soccorso e assistenza clienti: non presente

non presente
Servizio di ristorazione esterno per celiaci: non presente

Presente
Servizio di ristorazione esterno: Presente

Fondazione Giovanni Amato Onlus socio ENAT



N. Visite: 435019


  • Copyright © 2011-2013. All Rights Reserved.
    Progetto web sviluppato da Wabi Media CT