ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish
Versione normale Versione Ipovedenti

LEGGENDA
leggenda mobilità Mobilità
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni, autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico sicurezza e comfort 

leggenda vista
Vista 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda udito
Udito 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda gusto
Gusto 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni sulla composizione dei cibi, disponibilità di cibi specifici, possibilità di personalizzare orari per pasti possibilità di personale medico reperibile, sicurezza e comfort 

verde accessibile Accessibile
giallo accessibile parzialeAccessibile parziale
rosso non accessibileNon accessibile
grigio informazioni mancantiInformazioni mancanti
Parco Minerario di Grottacalda - Floristella

Bene Storico 
Sicilia , Enna , Floristella

Le nostre valutazioni di accessibilità del bene

mobilità livello duevista livello unoudito livello unoristorazione livello due




Biglietteria:
per informazioni
www.enteparcofloristella.it

Recapiti:
Tel.:0935-958105

Come Arrivare Privato:
Autostrada PA-CT, uscita svincolo Mulinello, proseguire per Valguarnera e Piazza Armerina sino ad incontrare il cartello segnaletico che indica l'ingresso al Parco.
Da Enna, seguire le indicazioni per Pergusa, proseguire per la S.P. Turistica. All'incrocio con la S. P. 4 seguire la direzione Valguarnera fino al cartello di ingresso al Parco;


Il Parco Minerario Floristella Grottacalda accorpa le due omonime miniere di zolfo dismesse, risultando uno dei più espressivi insediamenti d'archeologia industriale esistenti nel sud d'Italia. Alla stregua di un grande museo a cielo aperto, il vasto complesso estrattivo fornisce una vera e propria "stratigrafia" delle diverse epoche e dei relativi sistemi e tecniche d'estrazione e di fusione dello zolfo. Ancora ben visibili e drammaticamente evocativi, appaiono i calcaroni (forni circolari per la fusione e separazione dello zolfo dal materiale inerte), le discenderie (cunicoli semiverticali utilizzati in epoca preindustriale per raggiungere il giacimento), i castelletti e gli impianti dei pozzi verticali (utilizzati in epoca recente per la discesa in sotterraneo), i forni Gill (sistema più moderno per la fusione dello zolfo).

Su un'altura si erge imponente il Palazzo Pennisi, antica residenza della famiglia proprietaria, che domina il complesso minerario di Floristella. La sontuosità del manufatto e la sua pregnanza architettonica, generano una sorta di contrasto con l'austerità del luogo, fornendo un'immediata e suggestiva immagine di ciò che doveva essere l'estremo divario sociale dell'epoca.

Il Parco presenta, altresì, aspetti paesaggistici e naturalistici di rilievo. In quest'ambito una particolare menzione meritano la sorgente di acque sulfuree che alimenta il rio Floristella e, soprattutto, le emissioni continue di metano e acqua salata e ferruginosa, sgorganti con piccola portata da alcune bocche tra loro vicine dette Maccalube o vulcanelli di fango, visibili nella parte nord dell'area del parco.

 Il periodo migliore, dal punto di vista climatico-ambientale,per visitare il parco è la primavera o l'autunno.
La durata della visita è di circa tre ore o più secondo l'interesse individuale (il Parco si sviluppa su una superficie di 400 ettari). Il percorso, da fare a piedi, è discretamente accidentato, poco adatto ad anziani o persone con difficoltà a deambulare.
Inoltre, la scarsa leggibilità dei resti d'archeologia industriale rende opportuna la presenza di un accompagnatore di percorso che 

spieghi i reperti medesimi.




Informazioni turistiche
Il Parco Minerario Floristella Grottacalda si estende su una vasta area situata sulla confluenza delle superstrade che collegano Enna, Valguarnera, Aidone e Piazza Armerina, ad una manciata di chilometri dagli svincoli autostradali di Mulinello ed Enna.
All'ingresso della miniera di Floristella ci si ritrova in un bosco dove si scorge una delle sedi del parco: chiusa la miniera, la riserva è diventata occasione di sviluppo per figli e nipoti di quei minatori che lavorarono qui a partire dalla fine del settecento al 1986.

http://www.enteparcofloristella.it/


 

 


Hai visitato questo sito? Lascia la tua recensione sul livello di Accessibilità. Grazie.

Nessun commento
Aggiungi il tuo commento
Nome completo
Email
Commento

ACCESSIBILITA' DEL SITO

Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni sull'accessibilità del bene in oggetto: Presente

Non Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni : Non Presente

Presente
Ampia disponibilità nel reperire informazioni : Presente

non presente
Possibilità di raggiungere il bene con mezzi pubblici di trasporto: non presente

Presente
Ampia disponibilità degli orari di visita: Presente

non presente
Parcheggi riservati: non presente

non presente
Mappa tattile del percorso posizionata all'ingresso: non presente

non presente
Mappa tattile del percorso posizionata all'ingresso: non presente

non presente
Servizio di accoglienza opportunamente qualificato per l'accoglienza di soggetti diversamente abili: non presente

non presente
Distribuzione su richiesta di audioguide: non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei (locandine-brochure-depliant): non presente

non presente
Distribuzione supporti cartacei realizzati con disegni a rilievo, testi con caratteri in nero e Braille: non presente

non presente
Percorsi verticali-ascensori: non presente

non presente
Esposizione di calchi e modellini dell'area e dei suoi elementi più rilevanti: non presente

non presente
Servizi igienici a norma per handicap: non presente

presente
Servizio di ristorazione interno: presente

non presente
Servizio di ristorazione interno per celiaci: non presente

non presente
Servizio di pronto soccorso e assistenza clienti: non presente

presente
Servizi igienici a norma per handicap: presente

Fondazione Giovanni Amato Onlus socio ENAT



N. Visite: 399358


  • Copyright © 2011-2013. All Rights Reserved.
    Progetto web sviluppato da Wabi Media CT