ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish
Versione normale Versione Ipovedenti

LEGGENDA
leggenda mobilità Mobilità
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni, autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico sicurezza e comfort 

leggenda vista
Vista 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda udito
Udito 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni autonomia dei movimenti, minimo sforzo fisico garanzia dell'orientamento, sicurezza e comfort 
leggenda gusto
Gusto 
Esigenze dell'utenza: chiarezza di informazioni sulla composizione dei cibi, disponibilità di cibi specifici, possibilità di personalizzare orari per pasti possibilità di personale medico reperibile, sicurezza e comfort 

verde accessibile Accessibile
giallo accessibile parzialeAccessibile parziale
rosso non accessibileNon accessibile
grigio informazioni mancantiInformazioni mancanti
Riserva Naturale Orientata Pantalica

Bene Naturalistico 
Sicilia , Siracusa , Sortino

Le nostre valutazioni di accessibilità del bene

mobilità livello duevista livello unoudito livello unoristorazione livello uno




Biglietteria:


Recapiti:


Come Arrivare Privato:
Autostrada per Siracusa,uscita Floridia.

Da qui proseguire per Pantalica in direzione Sortino-Valle dell'Anapo. Lungo la strada che porta a Ferla si trova la necropoli di Pantalica.

Per raggiungere la riserva naturale che ricade nei territori di Sortino, Ferla, Cassaro, Buscemi e Palazzolo Acreide occorre raggiungere l’ingresso ufficiale che si trova nei pressi di Ferla e Cassaro.



Da Siracusa: imboccare la SS 114 e seguire le indicazioni per Floridia. Da qui proseguire per la SS 124 in direzione Cassaro-Ferla: l’ingresso della riserva è nelle vicinanze del bivio Cassaro-Ferla.

Mappa di Pantalica





La riserva ricade nei territori di Sortino, Ferla, Cassaro, Buscemi e Palazzolo Acreide, ma l'ingresso ufficiale si trova nei pressi di Ferla e Cassaro. 
L'ingresso della riserva è nelle vicinanze del bivio per le due città (seguire le indicazioni su Come arrivare). Per arrivare alla necropoli di Pantalica, bisogna invece giungere a Sortino. 

La Valle dell'Anapo
Il sito appare diversificato ed offre ambienti ecologici variegati che consentono l'espressione di una biodiversità molto significativa. Oltre al biotopo acquatico, possiamo distinguere l'ambiente ripariale, quello delle pareti, della valle, dei pianori e delle grotte. Nelle acque cristalline del fiume, grazie alla natura torrentizia, trovano un'abitazione ideale la trota siciliana e la trota fario. Sul fondale si aggira la tinca. È possibile trovare anche le anguille e i granchi di fiume. Tra gli anfibi, oltre alla comune rana verde, troviamo anche il Discoglosso dipinto, dalla caratteristica lingua a forma di disco adesivo. Soprattutto la presenza delle trote ci indica l'elevata qualità delle acque. Il fiume lungo il suo corso vede svilupparsi una magnifica vegetazione a platano orientale che, in queste contrade siciliane, marca il confine occidentale del suo areale di distribuzione che si estende sul Mediterraneo orientale e sull'Asia occidentale. 
Sulle rocce, a ridosso del fiume, spiccano le vivaci fioriture dell'oleandro perfettamente insediato in quest'ambiente ideale. Il bosco ripariale è costituito da molte specie vegetali: tra gli alberi dominano i salici (bianco e pedicellato), il pioppo nero, l'orniello, il carpino e la roverella, mentre il sottobosco diventa intricato a causa dei rovi e delle piante lianose come la vitalba. Arbusti del sottobosco sono anche il biancospino, il lentisco, l'euforbia cespugliosa e il pungitopo.  Nella copertura erbacea spiccano l'equiseto massimo, la margheritina di campo, i ciclamini (a foglia d'edera e primaverile), il ranuncolo dalla gialla corolla smaltata, i bianchi e delicati fiorellini dell?aglio selvatico. 
Legati al fiume, è possibile scorgere il martin pescatore dalla vivace livrea e il merlo acquaiolo, l'elusiva gallinella d'acqua o, nelle zone in cui il fiume rallentando forma delle anse fangose, il piro piro piccolo, trampoliere dalle dimensioni ridotte. 
Spostandosi verso le pareti della valle, troviamo chiazze di macchia mediterranea costituita da sempreverdi come leccio, terebinto, fillirea ed alaterno. Qui si aggirano i carnivori tipici dei boschi siciliani: gatti selvatici e volpi, martore e donnole voracissime. Le loro prede sono conigli selvatici, lepri, topi quercini e ghiri. Nelle zone più scoscese le coturnici di Sicilia saettano velocissime o s'involano in verticale, per poi approdare rapidamente più lontano. In questa riserva vive la bellissima upupa, uccello migratore insettivoro dalla magnifica livrea e dotato di una cresta sul capo. Ma non solo: anche il codibugnolo di Sicilia, lo scricciolo e la ballerina bianca. Sui pianori s'insediano bassi cespugli di spinaporci e di aromatico timo, che conferiscono a queste aree l'aspetto a gariga: sui cieli soprastanti la valle è possibile avvistare la rara aquila di Bonelli, il falco pellegrino ed il lanario. Molti i rettili tra cui diverse specie di serpenti: la vipera, i colubri, il bellissimo leopardino dalla livrea smagliante, il  liscio e quello di Esculapio, il nero biacco e il rarissimo colubro di Riccioli, detto in siciliano scussuni ri zazzamiti. Scussuni vuol dire "serpente", mentre le zazzamite non sono altro che i gechi, piccoli rettili notturni di colore chiaro che prediligono cacciare insetti sui muri. Qui è possibile trovare anche la testuggine terrestre. 
Nella riserva fioriscono inoltre cinquantanove specie di orchidee, diverse iris e fabacee ed anche specie rare o endemiche come l'Ophris biancae (un'orchidea), l'Urtica rupestris, l'Helicrysum scadens Guss ed il Trachelium lanceolatum. 
Tre specie vegetali rivestono un particolare interesse botanico: la salvia triloba, la Phlomis fruticosa e la ferula comune. Ultimo, ma non meno interessante, l'ambiente delle grotte carsiche: la Grotta dei Pipistrelli e la Grotta Trovato che ospitano varie specie di pipistrelli, rapaci notturni, passeri solitari ed istrici. 

Emergenze paesaggistiche 

Grotta dei Pipistrelli: sulla parte sinistra del Torrente Calcinara a 10 m dall'alveo. 
Grotta Trovato: a 280 m. vi si arriva seguendo un sentiero che scende dalla parte terminale della strada carrozzabile Ferla-Pantalica. 
Platani orientali: lungo il corso del fiume. 
Necropoli di Filiporto: sulla sella che separa la valle del Torrente Calcinara con la Valle dell'Anapo. 
Palazzo del Principe o Anaktoron: sopra la Necropoli Sud. 
Oratorio di San Nicolicchio: sito nella Necropoli Sud, nelle balze rocciose sotto l'Anaktoron (insediamento bizantino). 
Chiesetta di San Micidario: sita fra la Necropoli sud e la sella di Filiporto. 
Cristo Pantocratore (insediamento bizantino). 

L'Azienda Foreste Demaniali ha realizzato itinerari, aree attrezzate e luoghi di accoglienza che facilitano l'esplorazione del sito nel pieno rispetto della sua integrità ambientale.



Informazioni turistiche
Pantalica è località naturalistico-archeologica della provincia di Siracusa. Nel 2005 è stata insignita assieme al centro storico di Siracusa del titolo di Patrimonio dell'UNESCO.
Il sito si trova su un altopiano, circondato da canyon formati nel corso dei millenni da due fiumi, l'Anapo e il Calcinara, che hanno determinato l'orografia a canyon caratteristica della zona. L'altopiano così come le vallate sottostanti (Valle dell'Anapo) sono delle importanti zone naturalistiche.
Vari sentieri permettono di visitare il sito. La Valle dell'Anapo è accessibile da due varchi collegati tra di loro, dal lato di Sortino e dal lato di Ferla. Questo sentiero corre per più di 10 km sul tracciato dell'ex linea ferroviaria Siracusa-Vizzini. 
La visita all'altipiano può invece partire dalla cosiddetta Sella di Filiporto, raggiungibile dal paese di Ferla o dall'altro lato, dal versante di Sortino, passando sopra la cosiddetta Grotta dei pipistrelli.

Itinerario Cicloturistico della Riserva di Pantalica
L?inizio del percorso cicloturistico di cui si parla si raggiunge percorrendo la strada che dal paese di Ferla raggiunge la Riserva di Pantalica  (i più esperti ed allenati possono effettuare in bici anche questo tratto iniziale, è solo per i più allenati in quanto al ritorno si trovano tornanti in salita non facili da superare).
Si deve lasciare l'auto all'inizio del tratto ghiaioso del percorso, da qui si arriva all'ingresso della Riserva di Pantalica dove si trovano le indicazioni per vari percorsi inseriti tra alberi altissimi, prati estesi, vecchie costruzioni e ponti di legno.




http://www.comune.sortino.sr.it/
http://www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/riserve.asp?id=29
http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/1318-ferla-case-giarranauti

 

 


Hai visitato questo sito? Lascia la tua recensione sul livello di Accessibilità. Grazie.

Nessun commento
Aggiungi il tuo commento
Nome completo
Email
Commento

ACCESSIBILITA' DEL SITO

Fondazione Giovanni Amato Onlus socio ENAT



N. Visite: 329931


  • Copyright © 2011-2013. All Rights Reserved.
    Progetto web sviluppato da Wabi Media CT